I benefici delle patate dolci

Pubblicato il 18 novembre 2016 | Categoria: Cosa mangiare per prevenire l'insorgere delle malattie, CuriositĂ  culinarie, Featured

patate dolci: i benefici per la salute

Uno dei cibi che, spesso, utilizziamo in cucina e che si trova soprattutto in questo periodo dell’anno, è la patata dolce, che, oltre ad avere un ottimo sapore, è anche benefica per la salute.

Patate dolci o ignami?

Ma prima di scoprire i benefici delle patate dolci, è importante che impariamo a distinguerle da una tipologia poco diffusa in Italia: gli ignami.

Patate dolci: come riconoscerle?        

Le patate dolci, conosciute anche come patate americane per la loro provenienza, sono piĂą umide e dolci delle patate tradizionali, sono affusolate e sottili con la pelle liscia. Possono presentarsi in vari colori, come, ad esempio, con la pelle rossa o chiara, e la polpa arancio o bianca. In Asia e in Nuova Zelanda si trovano anche patate dolci viola e gialle.

Ignami: come riconoscerli?

In un tipico negozio di alimentari italiano, è difficile trovare un igname, poiché essi sono coltivati in Africa e ai Caraibi e, generalmente, importati negli Stati Uniti. Per questo, sono venduti in negozi specializzati, come quelli di generi alimentari africani. Sono, solitamente, bianchi o viola e si presentano in diverse lunghezze, che vanno dalla dimensione del palmo della mano a quella di quattro piedi. Contengono più amido rispetto alle patate dolci.

Alla fine del 1800, è stato stabilito il nome di igname (dalla parola africana “Nyami”=”mangiare”) per distinguerli dalle patate dolci tipiche, ma, generalmente, si continua a fare confusione tra le due tipologie, poiché gli ignami sono poco diffusi nelle nostre zone.

Patate dolci: quali benefici hanno per la nostra salute?

Dopo aver stabilito la differenza tra queste due tipologie, parliamo delle proprietĂ  benefiche che le patate dolci hanno per il nostro organismo.

Vediamole insieme.

  1. Sono ricche di vitamina B6, che aiuta a ridurre l’omocisteina chimica presente nel nostro corpo e associata a varie malattie degenerative, come gli attacchi cardiaci.
  2. Sono un’ottima fonte di vitamina D, fondamentale per la salute delle ossa, del cuore, della pelle, dei nervi, dei denti, per rinforzare il sistema immunitario, aumentare i livelli di energia, migliorare lo stato d’animo e supportare la ghiandola tiroidea. Soprattutto in questo periodo dell’anno, la mancanza di luce solare comporta una diminuzione dei livelli di vitamina D.
  3. Sono un’ottima fonte di vitamina C, importante per aumentare le difese contro raffreddore e influenza, ma anche per la formazione di ossa e denti, la digestione e la formazione delle cellule del sangue. La vitamina C, inoltre, accelera la guarigione delle ferite e produce il collagene, fondamentale per l’elasticità della pelle.
  4. Contengono ferro, importante fonte di energia, ma anche importante per la produzione di globuli bianchi e rossi, per la resistenza allo stress, per il corretto funzionamento del sistema immunitario e per la metabolizzazione delle proteine.
  5. Sono una fonte di magnesio, considerato un minerale antistress e rilassante, oltre che necessario per la salute delle arterie, delle ossa, del cuore, del sangue e dei muscoli e per la funzione dei nervi.
  6. Sono fonte di potassio, uno degli elettroliti importanti per regolare il battito cardiaco, per rilassare i muscoli, ridurre il gonfiore, proteggere e controllare l’attività renale.
  7. Non aumentano i livelli di zuccheri nel sangue, poiché i loro zuccheri naturali sono rilasciati all’interno del flusso sanguigno, contribuendo a garantire una fonte equilibrata e regolare di energia.
  8. Proteggono dal rischio di cancro e rallentano l’invecchiamento, grazie all’alto contenuto di beta-carotene e altri carotenoidi, importanti anche per migliorare la vista e rinforzare il sistema immunitario. Uno studio effettuato presso l’Università di Harvard ha dimostrato che più di 124mila persone con una dieta ricca di carotenoidi, hanno ridotto del 32% il rischio di contrarre il cancro.
  9. Sono versatili, poiché possono essere mangiate al vapore, al forno, alla griglia, arrosto e come aggiunta in zuppe e stufati, con le cipolle, con i peperoni, e così via.

Insomma, se non siete abituati a mangiare patate dolci, vi conviene iniziare perché sono gustosissime ed estremamente benefiche.